Home > Hollywood sul Tevere. Anatomia di un fenomeno
Hollywood sul Tevere. Anatomia di un fenomeno

Autore: Stefano Della Casa e Dario E. Viganò (a cura di)

Anno: 2010

Pagine: 175

Editore: Centro Sperimentale di Cinematografia; Mondadori Electa

ISBN: 9788837076764

€ 35,00
€ 17,50

Descrizione

Il volume racconta l’era mitica della “Hollywood sul Tevere”, gli anni d’oro di Cinecittà, quando Roma era la vera capitale del cinema e quando i divi americani sbarcavano dalle passerelle dell’aeroporto di Ciampino e passeggiavano per via Veneto pronti a farsi immortalare dai “paparazzi”.
Erano gli anni della “Dolce vita”, dei gossip consumati ai tavolini dei bar, delle sedute collettive di sceneggiatura e dei litigi epocali nelle camere d’albergo. Anni che strapparono a Ennio Flaiano il caustico aforisma: “Coraggio. Il meglio è passato”. Anni da tabloid che in questo libro i curatori Dario E. Viganò e Steve Della Casa cercano di “fotografare”, orchestrando una panoramica a più voci. Da Elena Mosconi a Simone Venturini, da Guglielmo Pescatore a Orio Caldiron, da Raffaele De Berti a Alberto Crespi, da Marco Spagnoli a Luca Pallanch si fa luce sul sistema produttivo di Cinecittà, sulle sfarzose produzioni dei kolossal, sui nuovi registi arrivati da un “altro mondo”, sul fenomeno del divismo che affollava le pagine dei rotocalchi e sul sogno a stelle e strisce che conquistò tutti – da Dino De Laurentiis a Anna Magnani – fino a spingere alcuni a comprare un biglietto di sola andata per il futuro. Un libro fotografico realizzato grazie allo smisurato archivio del Centro Sperimentale di Cinematografia e di Cinecittà Luce, ma soprattutto l’irriverente e disincantata rilettura di un mito, arricchita dagli aneddoti e dai ricordi pieni di nostalgia dei protagonisti dell’epoca: dal direttore della fotografia Giuseppe Rotunno al cartellonista Silvano “Nano” Campeggi, fino agli attori Elsa Martinelli, Lando Buzzanca e Franco Interlenghi e al regista Giovanni Fago. Un mondo in bianco e nero che non c’è più, ma che ancora oggi è capace di accendere la miccia della fantasia.

Note Autore:

Dario Edoardo Viganò dopo gli studi in Filosofia e Teologia a Milano, viene ordinato sacerdote nel 1987 dal card. Carlo Maria Martini, arcivescovo della diocesi di Milano. Durante e successivamente il conseguimento del dottorato in Storia del cinema lavora presso l’Ufficio per le Comunicazioni Sociali della diocesi ambrosiana, occupandosi di cinema e delle sale della comunità, fino a quando approda alla Conferenza Episcopale Italiana nel 1998. Tra le sue pubblicazioni: Essere, parola, immagine: percorsi del cinema biblico (in collaborazione con Daniella Iannotta, 2000); Attraverso lo schermo: cinema e cultura cattolica in Italia (in collaborazione con Ruggero Eugeni, 2006); L'adesso del domani: rifigurazioni della speranza nel cinema moderno e contemporaneo (in collaborazione con Giovanni Scarafile, 2007), Dizionario della comunicazione (2009).

Stefano Della Casa (noto come Steve) è tra i massimi esperti di cinema italiano, dopo aver curato la sezione "Spazio Italia" sin dalla sua fondazione, ha ricoperto la carica di direttore del Torino Film Festival dal 1999 al 2002. Dal 1994 conduce Hollywood Party, programma radiofonico di Radio3 e dal 2004 al 2006 il contenitore notturno La 25° ora – Il cinema espanso su LA7. Dal 2008 è direttore artistico del Roma Fiction Fest. Collabora con il quotidiano La Stampa e con numerose riviste di cinema. Da alcuni anni presiede la Film Commission Piemonte. Tra le sue pubblicazioni: Mario Monicelli (1986); Mario Mattoli (1990); Riccardo Freda (1999); Dario Argento, il brivido della critica cinematografica (2000); Officina torinese. Una passeggiata in cento anni di cinema (2000); Capitani coraggiosi. Produttori italiani 1945-1975 (2003); La buca di Maspero in Scrittori in curva (2009).

Quantità: