Home > Collezioni digitali – Biblioteca Luigi Chiarini

Collezioni digitali

La Biblioteca Luigi Chiarini ha sperimentato a partire dagli anni Duemila la digitalizzazione come strumento per l’accesso alle raccolte, mediante la Biblioteca digitale e i progetti di valorizzazione di significative collezioni con le Mostre virtuali e il Portale del cinema muto italiano.

Accedi alle sezioni
Lista biblioteca digitale

La Biblioteca digitale Luigi Chiarini, progetto di digitalizzazione del materiale bibliografico e archivistico a fini conservativi e divulgativi, rende accessibile online in formato pdf – non stampabile dall’utente remoto – il posseduto dei periodici cinematografici rari, suddivisi per anni e per fascicoli e di libri di pregio.

Mostre Virtuali - CSC

L’ideazione delle Mostre virtuali della Biblioteca Luigi Chiarini del Centro Sperimentale di Cinematografia è sorta dall’esigenza di voler far conoscere al vasto pubblico il ricco patrimonio bibliografico: con il progetto delle Mostre virtuali lo staff vuole pertanto proporre un modo diverso e innovativo di essere “Biblioteca”.

Ebook - Lista

L’eBook è un libro in formato digitale a cui si può avere accesso mediante computer e dispositivi mobili, come smartphone, tablet e dispositivi appositamente ideati per la lettura di testi lunghi in digitale, detti eReader(ebook reader).

Portale cinema muto lista

Il progetto nasce con il fine di dare visibilità e accesso al patrimonio del cinema muto italiano recuperato negli anni  grazie all’impegno delle istituzioni e alla tenacia degli studiosi.

Partecipa ai portali aggregatori nazionali: Internet Culturale e CulturaItalia della Direzione Generale Biblioteche e Istituti Culturali; San e Siusa della Direzione Generale Archivi; Archivi della Moda del Novecento, elaborato dall’ANAI, Associazione Nazionale Archivistica Italiana e promosso dalla Direzione Generale Archivi; oltre che ai progetti Michael, Europeana, Europeana Fashion finanziati della Comunità Europea.

In questa sezione vengono presentati i risultati relativi a migliaia di immagini con le avvertenze che seguono:

  • molti documenti digitalizzati, sono consultabili, per motivi di copyright, esclusivamente dalle postazioni interne della Biblioteca.
  • le testate di periodici presenti in Biblioteca sono oltre 2.000, alcune delle quali digitalizzate e consultabili a testo completo linkando dal catalogo on line. L’oggetto digitale delle schede catalografiche permette di accedere ai siti delle riviste stesse, alla Biblioteca digitale presente sul sito della Fondazione e alle collezioni digitali di importanti istituzioni liberamente consultabili sul web.
  • la grande collezione digitale di eBook, edicola, video, musica, audiolibri…, presente sulla ReteINDACO, è accessibile dal Catalogo in linea della Biblioteca, in alcuni casi previa registrazione.
  • il portale Screen Studies Collection (SSC), a cui la Biblioteca è abbonata, è consultabile con accesso gratuito da tutte le postazioni della Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia all’indirizzo: http://search.proquest.com/screenstudies/

Integra i più importanti database a carattere cinematografico:

  • AFI Catalog: filmografia nazionale che documenta la storia del cinema statunitense dalle origini al 1974: produzione, cast, riassunti delle trame, note della produzione e riferimenti bibliografici.
  • Film Index International (FII): risorsa internazionale prodotta in collaborazione con il British Film Institute con informazioni su oltre 125 mila film prodotti a livello mondiale e una copertura che va dal periodo del muto ai più recenti blockbusters, oltre ad informazioni dettagliate su circa 800 mila personalità.
  • FIAF International Index to Film Periodicals Database (FIAF): indice internazionale di quasi 350 tra i più importanti periodici a carattere cinematografico, tra i quali «Bianco e Nero», con la versione full text di molti di essi, consentendo alla nostra utenza la fruizione anche di riviste non presenti fisicamente in Biblioteca. Si avvale della collaborazione degli archivi aderenti (tra i quali il Centro Sperimentale di Cinematografia).