Home > Tre libri per trenta giorni. L’offerta editoriale CSC maggio 2021
Tre libri per trenta giorni. L’offerta editoriale CSC maggio 2021
Centro Sperimentale di Cinematografia
Share SHARE
01 Maggio 2021


ALBERTO SORDI
autore: Alberto Anile (a cura di)
anno di edizione: 2020     collana: Grande Cinema
pagine: 303     
distribuzione: CENTRO SPERIMENTALE DI CINEMATOGRAFIA  EDIZIONI SABINAE
prezzo ordinario di vendita : € 30.00               
prezzo promozionale scontato (25%) : € 22.50

Cosa ci faceva a Milano a sedici anni? Cosa disse a Laurel & Hardy l’unica volta che li incontrò? Cosa fece davvero durante la guerra? Perché con Totò girò solo un film? Come doveva morire Nando Moriconi? Perché Fellini tagliò il suo cameo da Roma? Cosa c’era dietro il grido di Nanni Moretti in Ecce bombo? Che personaggio doveva interpretare nel film su Gladio? E, soprattutto, perché è uno dei nostri più grandi autori di cinema? A queste domande cerca di rispondere il libro Alberto Sordi, una biografia per tappe che è anche la riconsiderazione di un genio, delle sue bugie e delle sue verità. Un volume in larga parte basato sul Fondo personale dell’attore, ricco di documenti inediti e immagini mai viste.

note sull'autore
Alberto Anile è giornalista, critico e storico del cinema. Fra i suoi libri più recenti, Orson Welles in Italia (Il Castoro, 2006, tradotto in Usa da Indiana University Press nel 2013), Operazione Gattopardo. Come Visconti trasformò un romanzo di “destra” in un successo di “sinistra” (con Maria Gabriella Giannice, Feltrinelli, 2014), Totalmente Totò. Vita e opere di un comico assoluto (Cineteca di Bologna, 2017), Dizionario del cinema immaginario. I film che esistono solo dentro i film (Lindau, 2019). Per le edizioni del Centro Sperimentale di Cinematografia ha curato L’Otello senz’acca. Orson Welles nel Fondo Oberdan Troiani (2015), Guardie e ladri (2018) e Sordi segreto. Riflessioni, scoperte, materiali dall’archivio personale dell’attore (numero monografico di «Bianco e Nero», n. 592, settembre-dicembre 2018). Dal gennaio di quest’anno è il nuovo Conservatore della Cineteca Nazionale, presso il Centro Sperimentale di Cinematografia.

GIUSEPPE DE SANTIS LA TRASFIGURAZIONE DELLA REALTÀ
autore: Marco Grossi (a cura di)                                                                                  
anno di edizione: 2017
pagine: 414
distribuzione: CENTRO SPERIMENTALE DI CINEMATOGRAFIA
ISBN: 9788898623648         
ASSOCIAZIONE DE SANTIS    EDIZIONI SABINAE
prezzo ordinario di vendita: € 28,00       
prezzo scontato (50%) : € 14,00

Nel centeneraio della nascita di Giuseppe De Santis e nel ventennale della morte, il Centro Sperimentale di di Cinematografia rende omaggio ad uno dei grandi maestri del cinema italiano, riproponendo, in collaborazione con l'Associazione Giuseppe De Santis, questa pubblicazione a dieci anni dalla prima edizione. Il volume mira ad indagarne l’opera cinematografica frutto della “trasfigurazione della realtà”, sia attraverso il contributo di numerose testimonianze – da quelle di Bellocchio, Bertolucci, Costa-Gavras, Cuchraj, Giordana a quelle di Martone, Maselli, Montaldo, Ozpetek, Rosi – sia attraverso l’analisi dei suoi film da parte di alcuni dei più importanti studiosi italiani di cinema. Il presente volume viene pubblicato in una nuova versione accresciuta e aggiornata, differisce da quella del 2007 per i nuovi testi alle pag. 11, 13, 25, 31, per l'ampliamento del testo a pag. 301, l'aggiornamento della bibliografia, l'impianto grafico e l'apparato iconografico quasi totalmente rinnovato e con numerose immagini inedite.

note sull'autore
Marco Grossi, laureato in Storia e critica del cinema, è organizzatore culturale e studioso di cinema. Dal 1998 al 2000 è stato consulente del Centro Sperimentale di Cinematografia. E’ direttore artistico del FondiFilmFestival e della manifestazione culturale Il Mito tra Cinema, Letteratura e Musica. Per tre edizioni, dal 2000 al 2002, è stato collaboratore del Mediterraneo Video Festival. E’ uno dei massimi studiosi del cinema di Giuseppe De Santis, sulla cui opera e figura ha pubblicato i seguenti studi: Giuseppe De Santis. Maestro di cinema e di vita (1999); Caccia tragica. Un inizio strepitoso (2000); Riso amaro nel fuoco delle polemiche (2003), pubblicato insieme a Virginio Palazzo; infine Giorni d’amore. Un film di Giuseppe De Santis tra impegno e commedia (2004), pubblicato con Giovanni Spagnoletti.


FOGLI SONORI. GLI SPARTITI DELLA BIBLIOTECA LUIGI CHIARINI
Biblioteca Luigi Chiarini
anno di edizione: 2012
pagine : 167
collana: Collana della Biblioteca digitale Luigi Chiarini
distribuzione: Centro Sperimentale di Cinematografia
prezzo ordinario di vendita: €  6,00
prezzo scontato (50%) : € 3,00

Il volume della collana Quaderni della Biblioteca Luigi Chiarini mira a far conoscere il raro e prezioso patrimonio costituito dagli spartiti illustrati di canzoni per film, materiali spesso considerati "minori", ma che durante il secolo scorso erano largamente diffusi presso il grande pubblico. Essi oggi rivelano un intrinseco valore di testimonianza culturale poiché ci mostrano la varietà dei modi di diffusione della cultura cinematografica nel corso del XX secolo, in questo caso tramite la canzone: gli spartiti venivano infatti acquistati per essere utilizzati durante esecuzioni musicali private, in caso di feste familiari o di momenti di svago e relax nel tempo libero, e dunque ci raccontano anche un modo di fruire il cinema quale fenomeno di costume che si propagava nell’immaginario e nella vita del pubblico oltre lo spazio della sala cinematografica e oltre il tempo della visione del film. Grande risulta la varietà dei generi cinematografici sottesa ai diversi spartiti: cartoni animati, melodrammi, musicals, commedie brillanti, a cui corrisponde ovviamente un’ampia gamma di generi musicali: valzer, fox-trot, tango, marcia, slow fox, canzoni stornellate. Altro elemento non trascurabile è quello costituito dall’aspetto grafico dei medesimi, talvolta di ottima fattura, ideato per rendere gli spartiti più "attraenti" agli occhi degli acquirenti: gli editori dell'epoca utilizzarono infatti le illustrazioni a fini prevalentemente pubblicitari. Le copertine si tingono così di colori vividi, vengono talvolta abbellite da motivi ornamentali, ma soprattutto dai ritratti dei beniamini e delle star dell'epoca, come ampiamente documentato dalla bella galleria iconografica presente nel volume.

Iscriviti alla nostra Newsletter