Home > Conservazione e management del patrimonio audiovisivo
Conservazione e management del patrimonio audiovisivo
Lecce

Assistente Paolo Tosini

Social
Seguici sui Social Network
Centro Sperimentale di Cinematografia
Centro Sperimentale di Cinematografia
Centro Sperimentale di Cinematografia

Direzione artistica il Preside Adriano De Santis (ad interim)

Assistente Paolo Tosini

 

Il corso di Conservazione e Management del patrimonio audiovisivo ha come oggetto di studio l’intera gamma di attività legate alla salvaguardia del cinema, sia nelle sue manifestazioni storiche (pellicola) sia in quelle più recenti (immagine digitale). A tale scopo, la sede di Lecce è dotata di un laboratorio digitale con tutte le attrezzature indispensabili al restauro dell’immagine e del suono. Gli studenti saranno perciò in grado di partecipare in prima persona a tutte le fasi del lavoro di restauro del film, che si svolgerà in stretta collaborazione con la Cineteca Nazionale del CSC.

Il corso triennale non è limitato agli aspetti tecnici del lavoro di Cineteca: la sua missione coinvolge infatti un ampio ventaglio di competenze necessarie alla conoscenza, alla gestione e alle opportunità di diffusione del patrimonio audiovisivo. Un aspetto qualificante del programma di insegnamento è la sua attenzione per l’amministrazione, il management e il controllo intellettuale delle collezioni: oltre alla chimica e alla tecnologia digitale, il corso affronterà altre materie fondamentali, quali la catalogazione dei reperti; la conservazione di materiali non-filmici (poster, fotografie, documenti cartacei e apparecchiature d’epoca); la proiezione analogica e digitale; il management delle collezioni (amministrazione, budgeting, workflows, ricerca e gestione dei finanziamenti, legislazione sul diritto d’autore); la ricerca storica sul patrimonio audiovisivo; la presentazione al pubblico delle opere restaurate in un contesto collettivo (festival, rassegne e convegni) e individuale (accesso alle collezioni via internet) ed infine all’apprendimento della letteratura tecnica in lingua inglese.

Il primo anno del corso persegue una duplice direttrice: da una parte, la teoria e metodologia del lavoro di conservazione dell’immagine in movimento; dall’altra, un’introduzione agli aspetti pratici del trattamento dei materiali d’archivio (il loro insegnamento è una costante in tutti e tre gli anni del corso).

Le lezioni del secondo anno approfondiscono ciascuna componente tecnica, amministrativa e curatoriale mediante lo studio dettagliato di case studies selezionati dal corpo docente ed esercitazioni in materie quali ispezione, identificazione e riparazione della pellicola; catalogazione; analisi comparativa delle leggi sul copyright; design e gestione dei depositi climatizzati; studio approfondito di tutti i formati analogici, elettronici e digitali; simulazione di un budget per il restauro e per la strategia di finanziamento e fundraising; trattamento conservativo dei materiali non-filmici; costruzione di un complesso conservativo per i materiali fotochimici e digitali; pratiche di proiezione su pellicola e di supporti digitali; creazione di un programma di esibizione pubblica di film restaurati e di accesso alle collezioni via internet.

Nel terzo anno, gli studenti intraprendono un progetto relativo a una delle attività di conservazione del patrimonio audiovisivo, seguendone tutte le fasi dall’inizio alla fine: la definizione degli obiettivi; gli aspetti finanziari e manageriali del lavoro; l’analisi delle implicazioni legali del progetto (leggi sul copyright); la preparazione dei materiali in vista del loro restauro; la realizzazione del restauro vero e proprio, mediante l’utilizzo delle apparecchiature in dotazione alla scuola; la presentazione del lavoro, in forma di pubblica esibizione e di redazione di un rapporto scritto (in italiano e in inglese). Queste ed altre attività sono condotte da ciascuno studente – su base individuale o come parte di un team – con l’obiettivo di raggiungere una piena autonomia decisionale, monitorata dal corpo docente al fine di garantire la migliore qualità del prodotto finale. Così facendo, gli studenti acquisiscono tutte le conoscenze necessarie a ottimizzare le loro possibilità di impiego in qualsiasi struttura – pubblica o privata – pertinente alla conservazione e diffusione del patrimonio culturale audiovisivo. È da sottolineare in tal senso l’importanza di una preparazione a 360 gradi in questa disciplina: idealmente, al termine del triennio, ogni studente deve essere messo in grado di concorrere con successo al conseguimento di un impiego in qualsiasi settore relativo alla salvaguardia delle opere cinematografiche.

Tra i docenti degli ultimi anni: Luca Bandirali (Storia del Cinema), Massimo Benvegnú (Giurisprudenza), Paolo Cherchi Usai, Simone Corelli (Conservazione materiali sonori), James Kendall (Lingua Inglese)Alessandro Marotto (Restauro fotochimico), Francesca Romana Melodia (Conservazione), Gabriele Perrone (Ispezione e Identificazione dei materiali filmici), Alice Plutino (Restauro Colore), Alessandro Rizzi (Conservazione supporti), Marcello Seregni (Programmazione e Accesso).

 

 

 

Paolo Tosini

Paolo Tosini ha studiato restauro filmico all’università degli studi di Udine e al Bundesarchive di Berlino. Ha lavorato in vari festival internazionali come manager e direttore tecnico, tra cui Le Giornate del Cinema muto, FILUX e Distrital. Nel 2009 si trasferisce in Messico dove crea e dirige per 5 anni il Laboratorio di Restauro Digitale della Cineteca nazionale Messicana; ha curato molti progetti di restauro, in particolare “El Automovil gris”, “Documento Z 3”. È consulente di preservazione e restauro filmico di vari archivi tra cui, l’Archivio Generale della Repubblica Domenicana e la Cineteca di Bogotà, Colombia. Ha tenuti corsi di restauro filmico, digitale e di proiezione d’archivio in vari paesi in America Latina, Stati Uniti ed Italia; È docente di Storia del cinema all’università del Salento. Attualmente è coordinatore didattico del corso di Conservazione e Management del Patrimonio Audiovisivo, in cui insegna Teoria e metodologia del restauro filmico e Teoria e tecnica della proiezioni cinematografica, Teoria e pratica della digitalizzazione e Conservazione dei supporti filmici.

Docenti
Paolo Cherchi Usai
Senior Curator del Moving Image Department al George Eastman Museum di Rochester, New York, è cofon...

Leggi di più
Simone Corelli
Nasce alla fine del 1969 a Milano, dove si laurea nel 1995 in Scienze dell'Informazione con una tes...

Leggi di più
Alessandro Marotto
Inizia il suo percorso professionale nel 2004 all’interno del laboratorio di restauro L’Immagine...

Leggi di più
Francesca Romana Melodia
Inizia la sua formazione nel 1980 nella bottega del prof. Carlo Guido ad Arezzo. In quella stessa ci...

Leggi di più
Gabriele Perrone
Messina (1984). Durante gli studi per la laurea specialistica in Rappresentazione audiovisiva e mult...

Leggi di più
Alice Plutino
Si è avvicinata al tema del restauro cinematografico nel corso del suo dottorato in informatica pre...

Leggi di più
Alessandro Rizzi
Professore Ordinario presso il Dipartimento di Informatica dell’Università degli Studi di Milano ...

Leggi di più
Marcello Seregni
Archivista e storico dell’audiovisivo. Ha lavorato, tra gli altri, presso Museo Nazionale del Cine...

Leggi di più
Vuoi frequentare questo corso?