Home > Anche in questo “strano” 2020 il Centro Sperimentale di Cinematografia si fa onore al David di Donatello
Anche in questo “strano” 2020 il Centro Sperimentale di Cinematografia si fa onore al David di Donatello
Centro Sperimentale di Cinematografia
09 Maggio 2020

Come è ormai tradizione, diplomati e docenti del Centro Sperimentale di Cinematografia si sono aggiudicati premi importanti nella 65^ edizione dei David di Donatello, la cui premiazione si è svolta "in remoto" la sera di venerdì 8 maggio. Per noi del CSC è stato particolarmente emozionante - e anche divertente, sia pure nella triste particolarità della cerimonia, con tutti i premiati collegati da casa a causa dell'emergenza sanitaria - vedere la premiazione del diplomato al CSC in Regia Marco Bellocchio come miglior regista: dietro di lui è apparsa, esultante, sua moglie Francesca Calvelli, diplomata in Montaggio e docente di riferimento sempre del corso di Montaggio. E' stata una bellissima scena familiare: e poco dopo - purtroppo senza collegamento video! - Francesca si è aggiudicata il David come miglior montatrice. Riassumendo:
David di Donatello per miglior film e miglior regia a Marco Bellocchio, diplomato al CSC in Regia, per "Il traditore";
David di Donatello come miglior attore protagonista a Pierfrancesco Favino, diplomato honoris causa in Recitazione, per "Il traditore";
David di Donatello per il miglior montaggio a Francesca Calvelli, diplomata in Montaggio e docente di riferimento di Montaggio, per "Il traditore";
David di Donatello per i migliori costumi a Massimo Cantini Parrini, diplomato in Costume, per "Pinocchio";
David di Donatello per la miglior scenografia a Dimitri Capuani, diplomato in Scenografia, per "Pinocchio".;
David di Donatello per la miglior sceneggiatura originale a "Il traditore", quindi di nuovo a Marco Bellocchio (Triplete!) naturalmente assieme a Ludovica Rampoldi, Valia Santella e Francesco Piccolo;
David di Donatello per la miglior fotografia a Daniele Ciprì, diplomato honoris causa in Regia e insegnante del corso di Fotografia, per "Il primo re";
David di Donatello per il miglior suono a Davide D'Onofrio, diplomato in suono, per "Il primo re" (microfonista);
David di Donatello per il miglior suono a Michele Mazzucco, diplomato in suono, per "Il primo re" (mix);
David di Donatello per la miglior musica all'Orchestra di Piazza Vittorio per "Il flauto magico di Piazza Vittorio", diretto da Gianfranco Cabiddu, docente del corso di Regia.

Per rendere omaggio al "Traditore" vi riproponiamo:
- l'incontro fra Marco Bellocchio e Andrea Camilleri (altro ex docente del CSC) in occasione della presentazione del "Bianco e nero" dedicato a quest'ultimo;
- la consegna del diploma honoris causa in Recitazione a Favino, avvenuta nel luglio del 2019. 

Iscriviti alla nostra Newsletter