Home > “Profondo rosso” nella versione restaurata dalla Cineteca Nazionale
“Profondo rosso” nella versione restaurata dalla Cineteca Nazionale
07 Marzo 2015 - 08 Marzo 2015
Il CSC-Cineteca Nazionale, in collaborazione con Rti, ha presentato al Festival di Torino il restauro digitale di Profondo rosso (1975), capolavoro del maestro dell’horror Dario Argento. Film indimenticabile: per il geniale puzzle narrativo, per l’esasperante suspense, per la presenza del protagonista di Blow-up David Hemmings, per il clamoroso ritorno sulle scene della diva dei telefoni bianchi Clara Calamai, per l’inquietante colonna sonora, in cui il rock progressive dei Goblin incrocia le sonorità jazz di Giorgio Gaslini, per la capacità di racchiudere e portare a compimento l’irripetibile stagione del thriller all’italiana. Un vertice della cinematografia italiana, conosciuto, studiato e imitato in tutto il mondo.
Il restauro digitale è stato eseguito presso il laboratorio L’Immagine Ritrovata di Bologna, avvalendosi della collaborazione del direttore della fotografia Luciano Tovoli.
 
sabato 7
ore 16.30 Profondo rosso di Dario Argento (1975, 130′)
«Se l’estrema ambizione di Dario Argento è di restituire ai reduci dai suoi spettacoli il gaudio di sobbalzare a ogni scricchiolio, di guardare sotto il letto e raddoppiare la dose di tranquillante, il “terrorista” del cinema italiano può dirsi contento. Era infatti un bel po’ che un film non prendeva altrettanto allo stomaco e popolava i nostri sonni di incubi così barbari. Perché Profondo rosso è malfermo e tutto epidermico, ma al traguardo della paura va molto vicino: la ragione scalpita, e indispettisce sentirsi coinvolti in un cervellotico congegno, e tuttavia il cuore batte più svelto. Mamma mia, che impressione. Il fattaccio comincia a una seduta di parapsicologia, dove una signora “sente” i pensieri cattivi di un criminale. La poverina ha tanta ragione che dopo poco sente anche spaccarsi la testa da un’accetta. Chi sarà mai l’assassino? Mentre la polizia si gingilla, Marcus, un pianista inglese di jazz che lo ha intravisto, ma non è in grado di riconoscerlo, si intestardisce a scoprirlo, insieme con una giornalista in cerca del solito colpo, tal Gianna. È ovviamente un cacciarsi nei guai» (Grazzini).
Copia restaurata dalla Cineteca Nazionale – Prezzo unico: 4 euro
 
ore 18.45 Profondo rosso di Dario Argento(1975, 130′)
Copia restaurata dalla Cineteca Nazionale – Prezzo unico: 4 euro
domenica 8
ore 16.30 Profondo rosso di Dario Argento (1975, 130′)
Copia restaurata dalla Cineteca Nazionale – Prezzo unico: 4 euro
 
ore 18.45 Profondo rosso di Dario Argento (1975, 130′)
Copia restaurata dalla Cineteca Nazionale – Prezzo unico: 4 euro

 

 
 
Schedule dates