Home > Cinemafrica in Cineteca: negli occhi di Rachid Benhadj
Cinemafrica in Cineteca: negli occhi di Rachid Benhadj
30 Maggio 2013 - 30 Maggio 2013
«Classe 1949, nato ad Algeri, Rachid Benhadj si forma in Francia per poi rientrare nel paese natale dove consolida la propria esperienza professionale, per lo più in televisione; nel 1995 si trasferisce in Italia, ottenendo la cittadinanza. Nel 1997 intraprende la lavorazione del film per la televisione L‘albero dei destini sospesi, storia della relazione tra una donna italiana e un giovane migrante marocchino, prodotto dalla Filmalbatros di Marco Bellocchio e dalla RAI-Radiotelevisione italiana all’interno del progetto “Un altro paese nei miei occhi”. L’ancoraggio a un preciso contesto storico-sociale contraddistingue film quali Il pane nudo (2006), tratto dall’omonimo romanzo autobiografico dello scrittore marocchino Mohamed Choukri, Touchia (Cantique des femmes d’Alger, 1993) e il recente Parfums d’Alger (2012), dove, a partire dalla traiettoria di alcuni personaggi femminili, si scruta l’Algeria nella fase terminale della guerra di liberazione, all’inizio degli anni Novanta. Con Mirka (2000), la narrazione è immersa in uno spaziotempo non definito, seppure fortemente allusivo, in cui echeggia lo scenario del conflitto serbo-bosniaco, con la devastante eredità delle pulizie etniche e degli stupri di massa nel travaglio della ripresa. L’eleganza dei movimenti di macchina, l’impatto della resa fotografica, l’intensità drammatica delle vicende e dei riferimenti, via via affinatesi grazie anche all’autorevolezza delle professionalità coinvolte, concorrono a un sapiente coinvolgimento emotivo dello spettatore, rispondendo alle esigenze di una diffusa distribuzione, propria della formula realizzativa praticata da Benhadj, che si colloca all’interno dei moduli fortemente strutturati delle coproduzioni internazionali. All’interno di questa disposizione regolata, vorrei segnalare il ricorso frequente a una temporalità non lineare e la compresenza di registri diversi di realtà» (Farah Polato).
L’evento, a cura di Maria Coletti, è organizzato dalla Cineteca Nazionale in collaborazione con Cinemafrica.
 
ore 17.00 Mirka di Rachid Benhadj (2000, 115′)
ore 19.00 Il pane nudo di Rachid Benhadj (2006, 90′) Ingresso gratuito
a seguire Incontro con Rachid Benhadj
ore 21.30 L’albero dei destini sospesi di Rachid Benhadj (1997, 108′)
Ingresso gratuito
 
 
 
 
 
Schedule dates