Il cinema muto italiano 1921. I film degli anni venti

 

Vittorio Martinelli

€ 15.00aggiungi al carrello 
anno di edizione1996
pagine393
distribuzioneCentro Sperimentale di Cinematografia
Il 1921, come l'anno precedente, vede una quantità di pellicole prodotte in Italia mai più raggiunta negli anni successivi. Se andiamo invece ad esaminare le schede del volume, due o tre cose colpiranno il lettore più attento: la prima è il divario tra la data del visto di censura e l'uscita del film, comportante un lasso di tempo considerevole, a volte addirittura di anni, ed in genere concentrata nei mesi caldi, quelli delle "chiusure estive" oppure non reperite in nessuna delle grandi città. Quindi, dei film-fantasma, forse mai usciti; la seconda attenzione va posta ai soggetti che, con tutta la benevolenza possibile, appaiono di una debolezza e di una ripetitività scoraggianti. E per finire, occhio alle recensioni; possiamo avanzare qualche riserva sull'uso dell'italiano, ma la sostanza, pur nella loro essenzialità e nella disinvolta rudezza, non può sfuggire a nessuno. Ci troviamo quindi a sottoscrivere l'epicedio di film disertati dal pubblico, sbranati dalla critica, respinti dall'esercizio. Il volume consta di schede filmografiche ordinate alfabeticamente per titolo. In ogni singola scheda si riportano le notizie sui credit e sul cast, i dati di censura, le lunghezze delle copie, i soggetti e le recensioni, i nomi delle società di produzione ed i titoli alternativi dei film. Il libro è disponibile anche nel cofanetto relativo agli anni 1920-1931.
note sull'autore
Vittorio Martinelli (Napoli, 1926 – Bologna, 2008). Storico del cinema e appassionato collezionista, è stato autore o coautore con Aldo Bernardini della filmografia de Il cinema muto italiano (1991-1996). Da solo o in collaborazione è l’autore di numerose monografie su registi e attrici: Augusto Genina, Carmine Gallone, Enrico Guazzoni, Roberto Roberti, Francesca Bertini, Leda Gys, Pina Menichelli, Maria Jacobini, e di un volume sulle Dive del silenzio (2001), oltreché di numerosi saggi e contributi apparsi sulle riviste specializzate di cinema. È stato inoltre autore di: Lucy Doraine alla conquista dell’Italia (1988), Cuor d’oro e muscoli d’acciaio (2000), Dal Dott. Caligari a Lola-Lola (2001), L’eterna invasione (2002), Una frequentazione rarefatta (2005). La sua ultima opera è Za la Mort. Ritratto di Emilio Ghione (2007).