Il cinema muto italiano (1896-1930)

 

Riccardo Redi

€ 18.50aggiungi al carrello 
anno di edizione1999
pagine256
distribuzioneCentro Sperimentale di Cinematografia
Le vicende del cinema italiano dalle origini al 1930: un tentativo di elaborare una "storia", forse possibile grazie alle ricerche fatte negli ultimi anni e ai risultati raggiunti da molti studiosi. Nuove proposte di indagine che riguardano l'economia, il lavoro di scenografi, illustratori, musicisti e di tutte quelle personalità che hanno affiancato l'opera di scrittori, registi, produttori. Un panorama allargato, quindi, cui non è estranea, soprattutto negli anni '20, la politica. Un quadro che diventa sempre più ampio con il continuo ritrovamento dei film (circa il dieci per cento dei quasi diecimila prodotti): a renderne conto è l'elenco - certamente provvisorio - dei film muti italiani conservati nelle cineteche europee, che viene pubblicato in appendice.
note sull'autore
Riccardo Redi, giornalista e scrittore, è stato collaboratore di varie istituzioni cinematografiche italiane: la Mostra del Nuovo Cinema, per la quale ha curato le rassegne retrospettive, la Mostra di Venezia, la Cineteca Nazionale. Dal 1981 al 2001 ha curato la redazione della rivista «Immagine. Note di Storia del Cinema» edita dall’Associazione per le Ricerche di Storia del Cinema. Tra le sue opere: Tra una film e l’altra. Materiali sul cinema muto italiano 1907–1920 (1980), Ti parlerò…d’amor. Cinema italiano tra muto e sonoro (1986), La Cines. Storia di una casa di produzione italiana (1991), Film stranieri sugli schermi italiani 1896-1911 (2003).