Il Centro Sperimentale stipula una convenzione con l'Institut Cultural Centre Saint Louis per un ciclio di proiezioni da gennaio ad aprile

 

La collaborazione si inaugura il 20 gennaio, alle ore 20.00, con "Orfeo 9" di Tito Schipa jr., la prima opera rock italiana. Il programma proseguirà con un film al mese fino ad aprile.

Il Centro Sperimentale stipula una convenzione con l'Institut Cultural Centre Saint Louis per un ciclio di proiezioni, da gennaio ad aprile. La collaborazione si inaugura il 20 gennaio alle ore 20.00 con Orfeo 9 di Tito Schipa jr., la prima opera rock italiana, per ricordare i 50 anni dalla prima rappresentazione al Teatro Sistina, il 23 gennaio 1970. Il programma proseguirà poi con un film al mese fino. Nel film sono presenti i giovanissimi Renato Zero e Loredana Bertè

Girato per il settore sperimentale della Rai nel 1973, il film di Orfeo9 fu censurato e boicottato pesantemente da alcune correnti della dirigenza di allora, e ha "visto la luce" della programmazione solo nel 1975, e in sordina. Più tardi fu distribuito per brevi periodi nei circuiti d'essai. Da allora quest'opera è insieme  uno dei prodotti di spettacolo musicale più amato dal pubblico e uno degli esempi più clamorosi di emarginazione e trascuratezza da parte delle strutture ufficiali e dei media, cui ha potuto reagire grazie al sostegno costante dei conoscitori e, ultimamente, alle risorse di internet, fino al riscatto definitivo della presentazione alla Mostra del Cinema di Venezia del 2008.

Tito Schipa jr. cresce tra l'America e l'Italia. La passione per ogni genere di spettacolo musicale diventa il filo conduttore della sua vita. Lavora a fianco di De Lullo, Menotti, Squarzina, Wertmüller. Nel 1969 scrive Orfeo 9, nel 1976 il suo secondo musical, L'isola nella tempesta. La sua versione folk-rock del Don Pasquale di Donizetti approda a Broadway (1983) prodotta da Joseph Papp. Cantautore, autore di colonne sonore, regista di documentari, Schipa è anche ideatore di Virtual Tosca, primo allestimento di un intero melodramma in animazione, in preparazione da alcuni anni.

Orfeo 9 (1973)
Regia: Tito Schipa jr.; soggetto e sceneggiatuta: T. Schipa jr.; fotografia: Ivan Stoinov; scenografia e costumi: Giovanni Agostinucci; musica: T. Schipa jr.; organo solista e sitar: Joel Vandroogenbroeck; strumentazione e direttore d'orchestra: Bill Conti; montaggio: Alfredo Muschietti; interpreti: T. Schipa jr., Renato Zero, Edoardo Nevola, Monica Miguel, Chrystel Dane, Roberto Bonanni, Loredana Berté, Penny Brown, Marco Piacente, Eva Axen; origine: Italia; produzione: Mount Street Film e Eidoscope per Rai; durata: 84'.
Un gruppo di ragazzi vive felice tra le rovine di un'antica chiesa sconsacrata, lontano dalla città che detestano. Uno di loro, Orfeo, è chiuso nella sua solitudine. Euridice risveglia il cuore assopito del giovane: i due s'innamorano all'istante. Un oscuro personaggio ossessionato dalla felicità s'insinua però nella coppia separando Orfeo dalla sua amata con un trucco diabolico. Il giovane si incammina così alla ricerca di Euridice, in un tormentoso viaggio dentro e fuori di sé. «Questa favola ha per vero protagonista un illusionista prodigioso, lo stesso che col suo gioco preciso ti inganna ancora, ti tiene ancora distratto dalla più sublime delle visioni possibili: la Realtà» (prologo Orfeo 9).