Borse di studio, riservate agli allievi della Scuola Nazionale di Cinema

 

Per partecipare al concorso è necessario presentare apposita domanda scritta, utilizzando l'unito modulo, entro le ore 14,00 del 30 gennaio 2019. Scarica il bando in pdf.

Per l'anno 2018 la Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia mette a concorso le seguenti borse di studio, riservate agli allievi della Scuola Nazionale di Cinema - Sedi di Roma, Palermo, Milano, Torino e L'Aquila - in corso di studi nell'anno 2018 e in regola con il pagamento della retta di iscrizione:
n. 16 borse di studio del valore unitario di € 1.500,00 (per un totale di €
24.000,00) finanziate dalla S.I.A.E. Società Italiana Autori e Editori.

Le borse di studio sono riservate agli allievi dei seguenti corsi
 N. 2 Fotografia;
 N. 2 Regia;
 N. 2 Suono;
 N. 2 Sceneggiatura;
 N. 2 Documentario (Sede Sicilia);
 N. 1 Reportage Audiovisivo (Sede Abruzzo);
 N. 2 Cinema d'Impresa (Sede Lombardia);
 N. 3 Animazione (Sede Piemonte)
 
n. 2 borse di studio del valore unitario di euro 1.000,00 (per un totale di €
2.000,00) finanziate da Nuovo Imaie Nuovo Istituto Mutualistica Artisti Interpreti Esecutori.
 
Le borse di studio sono riservata agli allievi dei seguenti corsi:
 n. 1 recitazione donna
 n. 1 recitazione uomo
Per partecipare al concorso è necessario presentare apposita domanda scritta,
utilizzando l'unito modulo, entro le ore 14,00 del 30 gennaio 2019. Le domande, corredate dalla documentazione richiesta, dovranno essere consegnate esclusivamente a mano, presso la segreteria didattica della Sede di appartenenza. L'ammissione al concorso è subordinata al possesso del seguente requisito:
- non aver beneficiato per lo stesso anno accademico di altra borsa di studio o di analoghe provvidenze erogate da altri soggetti pubblici o privati. Le Borse di studio saranno assegnate secondo l'ordine della graduatoria formulata
dall'apposita Commissione - composta dal Presidente della Fondazione, dal Direttore Generale e dal Preside della Scuola Nazionale di Cinema - sulla base della valutazione del profitto e del merito dell'allievo. A parità di punteggio costituisce titolo preferenziale la condizione di "studente fuori sede" nonché, successivamente, la situazione reddituale e patrimoniale del nucleo familiare del medesimo.
 
A tale riguardo, si precisa che la valutazione del profitto e del merito sarà determinata sulla base del giudizio espresso al termine dell'anno accademico 2018 dal docente responsabile del corso di appartenenza, sentito il corpo docente, con l'attribuzione di un punteggio complessivo espresso in 30/30. La situazione reddituale e patrimoniale del richiedente sarà valutata sulla base della certificazione ISEE, propria o del proprio nucleo familiare, come desumibile dallo stato di famiglia, presentata nell'anno precedente.

La segreteria didattica della Sede di appartenenza è a disposizione per fornire chiarimenti ed informazioni in merito.