Il restauro di Fumo di Londra di Alberto Sordi presentato al Teatro Morlacchi di Perugia

 

L'edizione integrale e restaura del film di Sordi è stata presentata il 25 maggio.

Il Centro Sperimentale di Cinematografia - Cineteca Nazionale, depositario del Fondo Sordi e dei materiali del film, ha promosso, insieme alla Fondazione Museo Alberto Sordi, il restauro e la digitalizzazione di Fumo di Londra (1966), diretto e interpretato da Alberto Sordi.

Sordi vi interpreta un elegante e colto antiquario di Perugia, innamorato degli ambienti e delle atmosfere di una Londra più immaginaria che reale. Fumo di Londraè la prima regia di Alberto Sordi. Assieme a Polvere di stelle, è sicuramente il suo miglior film da autore a 360 gradi ed è uno dei lavori ai quali era maggiormente legato. Racconta un amore per la cultura, la società e la musica britanniche che in quello stesso 1966 veniva ribadito da Blow Up di Antonioni, e che due anni dopo avrebbe dato vita a La ragazza con la pistola di Monicelli. Testimonia anche la dimensione cosmopolita dell'uomo Sordi, un artista aperto a suggestioni internazionali e tutt'altro che ripiegato su un'identità esclusivamente italiana e "romana".

Dalle diverse versioni della pellicola è stata ricostruita l'opera originale integrale di 130', ricomponendo spezzoni a suo tempo separati dallo stesso Sordi. La lavorazione è stata realizzata presso il Laboratorio Augustus Color di Roma che ha realizzato anche un making of, documentando le operazioni del restauro in 4k. 
 
La prima presentazione della versione restaurata è avvenuta presso il Teatro Morlacchi di Perugia il 25 maggio, con un grande evento e interventi delle istituzioni promotrici, autorità del Comune e della Regione Umbria. 

guarda il making del restauro