• Home
  • È uscito il numero 586 di «Bianco e Nero» è dedicato alla figura di Alida Valli, “l’attrice più amata dagli italiani” come ricordò Dino Risi

È uscito il numero 586 di «Bianco e Nero» è dedicato alla figura di Alida Valli, “l’attrice più amata dagli italiani” come ricordò Dino Risi

La monografia è a cura di Stephen Gundle e Mariapia Comand. Quest’ultima, direttrice della rivista, lo presenterà il 28 febbraio al cinema Trevi (Roma).

Copertina Bianco e Nero N. 586 con Alida Valli

"Negli anni Quaranta in Italia scoppia la "vallifilia" […]. Una carriera straordinaria, dall'Italia a Hollywood e poi attraverso l'Europa, all'insegna della ecletticità e della disponibilità al cambiamento: da "fidanzatina degli italiani" a protagonista del cinema d'autore, a sorprendente perfida maliarda nelle performance di genere degli ultimi anni." Come ha scritto Oriana Fallaci "la sua storia è in fondo la nostra storia: fascismo e telefoni bianchi, dopoguerra e processo Montesi, sconfitte e fughe in America a cercar nuova vita. Dunque occuparci di Alida Valli significa in un certo senso ripensare la nostra storia, esplorare le molteplici forme delle identità sue e nostre, cercando di districarsi nel garbuglio dei fili simbolici della matassa storica. La sua vicenda, inoltre, si intreccia con quella del Centro Sperimentale di Cinematografia, l'attrice infatti entrò al (neonato) Csc ottant'anni or sono. E proprio alla Biblioteca "Luigi Chiarini" del Centro Sperimentale di Cinematografia è stato affidato l'archivio privato dell'attrice. Il Fondo Alida Valli rappresenta per gli storici un'occasione eccezionale, perché permette di recuperare e di incrociare una grande quantità e qualità di fonti per rivisitare la carriera di Valli e studiare per la prima volta aspetti della sua vita e del suo divismo che finora erano rimasti sconosciuti o inaccessibili ai ricercatori: la corrispondenza degli ammiratori costituisce una fonte straordinaria che di nessun'altra attrice italiana è attualmente disponibile". 

«Bianco e Nero» 586 è suddiviso in tre parti: nella prima si trovano i saggi che si sviluppano secondo un ordine storico-cronologico di Marcello Seregni, Raffaele De Berti, Francesco Pitassio, Lola Breaux, Mariapaola Pierini, Giovanna Maina e Federico Vitella; la seconda ospita alcuni approfondimenti di Cristina Colet, Meris Nicoletto e Lucia Cardone; la terza invece è dedicata al Fondo Alida Valli, con i contributi di Laura Pompei e di Marina Cipriani e con l'excursus diGian Piero Brunetta.