CORSO DI FOTOGRAFIA

 


Coordinatore  Giuseppe Lanci
Assistente Emilio Loffredo


Obiettivo del corso è la formazione della figura professionale dell'Autore della fotografia.
Durante la prima annualità il corso è dedicato alla conoscenza degli elementi che costituiscono il linguaggio cinematografico, dei mezzi tecnici e delle differenti figure che compongono la troupe. Studiando i primi elementi di illuminazione, gli allievi apprendono il lavoro dell'assistente operatore e dell'operatore di macchina. La formazione procede con l'alfabetizzazione digitale, che prevede la comprensione dell'essenza del segnale video.
Durante i primi due anni gli allievi acquisiscono nozioni approfondite di storia dell'arte. Durante tutto il triennio sono attivi moduli d'insegnamento relativi all'approfondimento tecnico ed artistico dello scatto fotografico analogico e digitale. e della camera oscura. Ogni settimana si svolge un laboratorio interdisciplinare di ripresa cinematografica in collaborazione con gli allievi dei corsi di Regia, Recitazione, Suono e Montaggio.
Nel corso dell'anno gli studenti sono impegnati nella realizzazione di prodotti filmici in collaborazione con tutte le aeree didattiche della Scuola.
Nella seconda annualità, si approfondisce lo studio del linguaggio cinematografico con particolare attenzione all'illuminazione e alla composizione dell'immagine. I corsi previsti vertono sulla pratica del digitale, dal lavoro del Data Manager a quello del D.I.T., dal conforming alla color correction, e sull'utilizzo teorico e pratico della steadycam. Studi e attività che confluiscono nella realizzazione di diverse serie di cortometraggi.
Nella terza annualità, verificato il grado di apprendimento raggiunto, viene attivato un corso di Effetti digitali visivi (VFX), si realizzano brevi esercitazioni in pellicola 35mm e si introducono nozioni di restauro. Insieme agli allievi degli altri corsi, si realizzano i film di diploma, girati, di norma, con Arri Alexa. L'ultimo periodo dell'anno è volto a favorire l'introduzione degli studenti nel mondo del lavoro, promuovendone la partecipazione come stagisti su film in lavorazione.

Tra i docenti degli ultimi cinque anni Osama Abou Al Khair, Federico Annicchiarico, Maurizio Calvesi, Sandro Camerata, Paolo Carnera, Roberto Cimatti, Daniele Ciprì, Michele D'Attanasio, Roberto D'Ettorre Piazzoli, Paolo Ferrari, Alessio Gelsini Torresi, Gherardo Gossi, Marco Incagnoli, Darius Khondji, Marcello Montarsi, Daniele Nannuzzi, Ferran Paredes Rubio, Vladan Radovic, Vittorio Omodei Zorini, Alessandro Pesci, Italo Petriccione, Giuseppe Rotunno, Sergio Salvati, Giuseppe Schiavinotto, Tommaso Strinati, Luciano Tovoli, Fabio Zamarion.

Giuseppe Lanci si diploma al CSC nel 1963 e avendo partecipato al saggio di diploma di Marco Bellocchio, esordisce nel cinema d'autore con I pugni in tasca. Nel secondo film di Bellocchio, La Cina è vicina, lavora con Tonino Delli Colli e con lui rimane, come assistente, per circa tre anni. Come assistente e operatore di macchina, ha partecipato, tra gli altri, a Il giorno della civetta di D. Damiani, C'era una volta il West di S. Leone, Porcile di P.P. Pasolini, La tenda rossa di M. Kalatozishvili, Strategia del ragno di B. Bertolucci, Nel nome del padre e Marcia trionfale di M. Bellocchio, Polvere di stelle di A. Sordi, Quattro mosche di velluto grigio di D. Argento, I cannibali di L. Cavani, Orlando furioso di L. Ronconi, La Tosca di L. Magni. Esordisce nel 1977, a 35 anni, come direttore della fotografia e lavora per oltre un trentennio con i maggiori registi italiani e stranieri: Marco Bellocchio, i fratelli Taviani, Nanni Moretti, Lina Wertmüller, Liliana Cavani, Mauro Bolognini, Miguel Littín, Peter Del Monte, Roberto Benigni, Carlo Mazzacurati, Daniele Luchetti, Francesca Archibugi, Diane Kurys, Moshé Mizrah, Margarethe von Trotta, Frans Weisz, Andrej Tarkovskij, Luis Sepulveda. Si occupa di restauro cinematografico presso la Cineteca Nazionale.