Teatro Palladium - Ritorno in pellicola

 

Prossimi appuntamenti successivi 13 febbraio e 13 marzo.

E' partita il  23 gennaio al Teatro Palladium dell'Università Roma Tre,  Ritorno in pellicola, la rassegna dedicata a grandi film della storia del cinema italiano da proiettare in 35mm (ingresso gratuito). La serie di eventi è organizzata dall'Università di Rom Tre in collaborazione con Centro Sperimentale di Cinematografia - Cineteca Nazionale e la rivista di critica cinematografica Quinlan.it. In un'epoca in cui la pellicola è pressoché scomparsa, travolta dalla rivoluzione digitale, è fondamentale riproporre il vecchio e inossidabile 35mm, riscoprendo il piacere di vedere sul loro supporto originale alcuni dei grandi capolavori del nostro cinema. Dando così la possibilità al pubblico, di giovani e non, di assaporare di nuovo la bellezza di questo tipo di visione.


Prossimi appuntamenti:
Mercoledì 13 febbraio
20.30 Prima della rivoluzione di Bernardo Bertolucci, 1964
Alla presenza di Roberto Perpignani

Mercoledì 13 marzo 2019

20.30 Pane e cioccolata di Franco Brusati, 1973
Alla presenza di Luciano Tovoli

Già nel maggio scorso, in occasione del Roma Tre Film Festival, è stato proiettato, nello splendore del cinemascope, C'era una volta il west di Sergio Leone. Questo grazie al proiettore 35mm che il Palladium, già mitico cinema della Garbatella, ha conservato nella sua cabina di proiezione. Si tratta di ribadire il fascino di quello che è stato per la maggior parte della sua storia l'unico modo di fruizione del cinema, un modo che inevitabilmente oggi ha un sapore vintage e cinefilo, ma che allo stesso tempo deve diventare un indispensabile strumento didattico per le varie leve di studenti del Dams, oltre che per tutte le nuove generazioni che magari non hanno mai avuto modo di vedere un film in 35mm. Accanto a proiezioni serali e a master class con registi e tecnici, il Palladium intende recuperare nel prossimo futuro anche la formula delle matinée per i giovani, con titoli che rappresentino l'indispensabile presupposto per costruire una competenza in ambito cinematografico. E' il vecchio sogno del fondatore del Dams, Lino Miccichè, che si batteva per il Cinema-Cinema, in pellicola e in sala. Questo sogno è ancora vivo, pur senza nulla togliere alle intriganti - e inevitabili - mutazioni digitali.

Dichiara Daniela Currò, Conservatrice della Cineteca Nazionale del CSC«Il CSC - Cineteca Nazionale porta avanti la missione di diffondere la cultura cinematografica a livello nazionale ed internazionale tramite la proiezione di pellicole d'archivio e film restaurati. Diffondere il cinema vuol anche dire anche educare il pubblico all'immagine ed alla sua corretta fruizione: con Ritorno in pellicola, iniziativa in collaborazione con Università di Roma Tre - Teatro Palladium e Quinlan.it, la maggiore cineteca d'Italia offre al pubblico la possibilità di rivedere classici del cinema sul medium che li ha originati, la pellicola, e capire, assieme a registi, direttori della fotografia, archivisti e restauratori, la storia di quei film, delle pellicole che li hanno consegnati a noi e perché è importante conservarle e valorizzarle. 
Nel gergo del restauro cinematografico il "ritorno in pellicola" è la fase in cui le immagini, restaurate digitalmente, vengono riportate su pellicola, l'unico mezzo in grado di garantirne la sopravvivenza nel lungo termine. Con questa iniziativa la Cineteca Nazionale mette a disposizione le preziose copie del proprio archivio per dare al pubblico, ormai abituato alle immagini digitali, la possibilità di effettuare metaforicamente lo stesso percorso, scoprendo il fascino delle copie d'epoca o lo splendore dei restauri 35mm e provando quella che, nel caso dei più giovani, è una nuova esperienza."
Dichiara  Quinlan.it: «Fin dalla sua creazione, oltre cinque anni fa, Quinlan.it ha lavorato sia da un punto di vista critico che di ricerca alla valorizzazione della riscoperta della pellicola, dalla preservazione del 35mm alla proiezione pubblica. Una resistenza culturale attiva per la tutela della memoria del cinema e la rivendicazione di una sua perenne attualità. La rivista è dunque lieta di prendere parte a un'iniziativa come quella del Palladium, dove sarà possibile addentrarsi nel concetto di conservazione e permettere agli spettatori di vedere i film sul grande schermo così come sono stati creati, in alcuni casi anche alla presenza degli autori."