.
La Biblioteca Luigi Chiarini è la più grande struttura specializzata in ambito cinematografico esistente in Italia. Fondata nel 1935 nell'ambito del Centro Sperimentale di Cinematografia, conta attualmente circa 153.000 unità bibliografiche, e, grazie all'acquisizione di numerosi fondi librari e documentari, si è progressivamente trasformata da luogo di conservazione a centro di ricerca e documentazione.
Library

Ultime acquisizioni

La Biblioteca "Luigi Chiarini" aggiorna pressoché in tempo reale il proprio patrimonio di argomento cinematografico

Cinematografo 1931_01

Biblioteca digitale

La Biblioteca digitale rende accessibile online - in formato pdf non stampabile - i nostri periodici cinematografici rari e i libri di pregio.

Album figurine

Mostre virtuali

Le mostre virtuali della Biblioteca "Luigi Chiarini" sono un nuovo modo di far conoscere al pubblico il nostro ricco patrimonio bibliografico

LA CONQUISTA DELL'IMPERO E LE LEGGI RAZZIALI, Rassegna cinematografica e giornata di studi 4/5/6/7/ dicembre 2018 Casa del Cinema

La Cineteca Nazionale collabora a "La conquista dell'Impero e le leggi razziali"

Rassegna cinematografica e giornata di studi Roma, Casa del Cinema e Università di Roma Tor Vergata, 4/5/6/7/12 dicembre 2018, promossa da Fondazione Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico e Istituto Luce Cinecittà.

banner tre libri per trenta giorni

L'offerta editoria CSC del mese: novembre

Questo mese tre volumi su Luchino Visconti.

Fan Jian, regista di Still tomorrow, 2017

Novembre al cinema Trevi

Questo mese, Fuorinorma, RefugeesIN, premio Cicognini, lezioni di cinema italiano, Luci dalla Cina 2018, Female Touch, Masters of Horror: Ken Russell e il gotico, Annabella Miscuglio, Luigi Chiarini, Gerardo Guerrieri, Giuliana Gamba, Fabio Frizzi.

Piero Tosi durante i laboratori di costume al CSC

Al Palazzo delle Esposizioni "Piero Tosi. Esercizi sulla Bellezza. Gli anni del Csc 1988-2016"

La mostra è curata da Stefano Iachetti, con Giovanna Arena, Virginia Gentili e Carlo Rescigno, e documenta il lavoro di Piero Tosi presso il Centro Sperimentale di Cinematografia.